Eruzione cutanea

L’eruzione cutanea √® un’alterazione patologica della pelle (dermatosi) e delle membrane mucose.  Si manifesta con la formazione di elementi di forme e dimensioni diverse, che differiscono dalla pelle e dalle mucose normali:

  • a colori; 
  • struttura; 
  • consistenza; 
  • altre caratteristiche esterne.

Qualsiasi eruzione cutanea sulle membrane mucose √® chiamata enantema. L’eruzione cutanea descritta in questo articolo, indipendentemente dal tipo, dalla forma, dalla causa e dalla localizzazione, √® nota in medicina come esantema. Si verifica in una serie di malattie interne, allergie, come effetto collaterale di farmaci, infezioni cutanee e cos√¨ via.

Eruzione cutanea da stress

Numerose ricerche scientifiche dimostrano che un forte stress psico-emotivo pu√≤ provocare eruzioni cutanee. Inoltre, per chi gi√† soffre di una malattia dermatologica (psoriasi, dermatite seborroica e atopica, eczema, ecc.), l’ansia e il sovraffaticamento aumentano i sintomi o causano una ricaduta della malattia esistente. 

L’eruzione cutanea da stress pu√≤ avere un aspetto diverso a seconda dell’individuo. Ma la maggior parte delle persone √® soggetta a orticaria quando √® sotto stress. La condizione √® cos√¨ chiamata perch√© la pelle assume un aspetto simile a quello delle ustioni da ortica: vesciche rosse o rosa di dimensioni variabili, di solito pruriginose, che emergono dalla superficie della pelle. L’eruzione cutanea di solito scompare in poche ore, ma pu√≤ ritornare ripetutamente durante il rilascio di adrenalina nel sangue.

Un altro problema comune a stress e nevrosi √® la neurodermite. La pelle √® colpita da un’infiammazione che, a differenza dell’orticaria, √® di natura cronica. La neurodermite √® accompagnata da prurito intenso, caratteristiche pieghe e ispessimenti della pelle dovuti al grattamento. Il processo pu√≤ essere localizzato, con un’unica eruzione cutanea, o disseminato in aree limitate, o diffuso. 

Eruzione cutanea da intossicazione alimentare eruzione

L’intossicazione alimentare non √® solitamente accompagnata da esantema. Se una persona sviluppa un’eruzione cutanea in seguito a un avvelenamento, ci√≤ indica che la condizione √® grave e che √® necessario un intervento medico immediato. L’autotrattamento in una situazione del genere √® pericoloso per la vita.

La comparsa dell’eruzione cutanea nelle intossicazioni alimentari dipende dall’agente tossico. Se i germi (enterococchi, E. coli, stafilococchi, ecc.) che si sono moltiplicati nell’alimento hanno causato l’avvelenamento, l’eruzione cutanea pi√Ļ comune √® quella di tipo allergico: vescicole rosa confuse, pruriginose, piatte sopra il livello generale della pelle.

Le intossicazioni alimentari non microbiche sono molto pi√Ļ rare. √ą causata da sostanze tossiche che, per un motivo o per l’altro, possono essere presenti negli alimenti. Ad esempio, alcuni frutti vegetali acerbi contengono veleno (patate, pomodori, melanzane). Altri alimenti contengono tossine in determinati periodi. Ad esempio, le uova di alcuni pesci d’acqua dolce non sono commestibili durante la stagione riproduttiva e molti funghi troppo maturi accumulano sostanze pericolose. Questo tipo di avvelenamento raramente provoca un’eruzione cutanea. Tuttavia, l’avvelenamento con funghi antichi e velenosi pu√≤ provocare noduli cutanei caratteristici (papule).

Un’eruzione cutanea da farmaci cosa fare?

Le reazioni indesiderate ai farmaci sotto forma di eruzioni cutanee sono piuttosto comuni. Si possono dividere in due tipi: eruzioni cutanee indotte da farmaci, dovute a meccanismi allergici, e alterazioni cutanee non allergiche causate dai farmaci. Il primo tipo presenta i seguenti sintomi:

  • Arrossamento della pelle di intensit√† variabile;
  • Comparsa di protuberanze e vesciche;
  • Il prurito varia da lieve a lancinante;
  • Talvolta l’epidermide e il derma si staccano, accompagnati da dolore.

L’esantema allergico √® pi√Ļ spesso causato dagli antibiotici, meno spesso dall’insulina, dagli anticonvulsivanti, dagli antibatterici di sintesi (sulfamidici, ecc.), dai farmaci per l’ipertiroidismo e da vari vaccini.

Alcuni farmaci provocano un’eruzione cutanea senza che il sistema immunitario sia coinvolto, cio√® non come reazione allergica. I glucocorticoidi e i farmaci a base di litio causano acne sul viso e sulla schiena come possibili effetti collaterali. Gli antiaggreganti e gli anticoagulanti assunti come terapia antitrombotica possono causare ecchimosi, eruzioni petecchiali e porpora (vedi figura sotto).

Un altro problema che pu√≤ essere classificato come tale √® la cosiddetta fotosensibilit√†. La condizione si manifesta con una sensibilit√† anomala alla luce ultravioletta, in particolare alla luce solare diretta. Anche alcuni neurolettici, tetracicline, tiazidi, sulfamidici e farmaci antinfiammatori non steroidei presentano questo effetto collaterale. L’assunzione diretta di questi farmaci non provoca un’eruzione cutanea, ma l’esposizione della pelle alla luce solare durante la terapia pu√≤ provocare una reazione eccessiva sotto forma di eritema, vesciche e talvolta vescicole pruriginose e dolorose.

Se si manifesta un esantema durante l’assunzione di un farmaco, √® necessario interrompere il trattamento e contattare immediatamente il medico.

Eruzione cutanea da allergia

Il numero di persone affette da una qualche forma di allergia nell’UE aumenta ogni anno. La manifestazione pi√Ļ comune di una reazione allergica √® un’eruzione cutanea. √ą causata da un cosiddetto allergene, una sostanza a cui il sistema immunitario reagisce erroneamente come agente nocivo e pericoloso. L’allergene pu√≤ entrare nell’organismo per via orale (bocca, ingestione), per inalazione, per contatto con la pelle o per iniezione. Il meccanismo dell’allergia, in forma semplificata, √® il seguente: una sostanza √® entrata nel corpo, il sistema immunitario la percepisce come pericolosa per la vita e inizia a produrre attivamente anticorpi e i cosiddetti mastociti. In seguito all'”incontro” con l’allergene, le immunoglobuline e i mastociti vengono danneggiati e i mediatori dell’infiammazione, soprattutto l’istamina, vengono rilasciati attivamente. √ą la causa principale di tutti i sintomi dell’allergia, compreso l’eritema. Per questo motivo gli antistaminici vengono utilizzati per trattare queste condizioni.

Un’eruzione cutanea allergica pu√≤ essere scatenata dai seguenti fattori: 

  1. Punture di insetti e ragni. L’allergene pu√≤ essere un veleno non oggettivamente pericoloso per l’uomo, oppure una sostanza utilizzata dagli insetti per penetrare nella pelle.
  2. L’assunzione dei farmaci sopra descritti e il contatto con sostanze chimiche.
  3. ingestione di un allergene insieme al cibo. L’allergene pu√≤ essere una qualsiasi sostanza, ad esempio una proteina del latte.
  4. Esposizione al freddo o al calore.
  5. Irritazione meccanica costante della pelle (attrito, pressione), soprattutto con alcuni metalli.

L’aspetto dell’eruzione allergica varia. Nelle reazioni immediate, le vesciche rosa pruriginose come l’orticaria sono le pi√Ļ comuni. Nell’allergia ritardata (dopo 24 ore o pi√Ļ), possono comparire vescicole e pustole, oltre a erosioni e ulcere con liquido sieroso. Nei bambini, l’esantema inizia solitamente sulle guance e intorno alla bocca. Negli adulti, invece, colpisce prima i gomiti, il torace e il collo, per poi estendersi al resto del corpo. Nel caso della dermatite allergica da contatto, l’eruzione cutanea compare nell’area che √® entrata in contatto con l’allergene.

Secondo tutti i moderni standard di assistenza medica, qualsiasi eruzione cutanea allergica, indipendentemente dalla sua causa, richiede un’attenzione medica urgente. Esiste la possibilit√† che il processo si aggravi e si sviluppi in forme di allergia pi√Ļ gravi e pericolose, come l’edema di Quincke e lo shock anafilattico.

Eruzione cutanea Covid

Con la comparsa della nuova infezione respiratoria COVID-19, i medici di tutto il mondo si trovano ad affrontare il problema delle dermatosi ad essa associate. Le statistiche mostrano che il 17% delle persone infette da SARS-CoV-2 ha avuto come primo sintomo un’eruzione cutanea. In un altro studio, il 21% dei pazienti con COVID-19 ha riferito che varie dermatosi erano l’unica manifestazione dell’infezione. Tuttavia, non √® possibile determinare in modo affidabile la frequenza dei sintomi cutanei in questa infezione, poich√© si sospetta che l’eruzione cutanea possa verificarsi anche a causa di alcuni farmaci con trattamento non controllato.

L’eruzione cutanea si presentava pi√Ļ spesso sotto forma di noduli, ma si riscontravano anche vescicole, escoriazioni, ulcere, varie macchie e ispessimenti sottocutanei. I medici prescrissero i normali antistaminici e antidolorifici. Nei casi pi√Ļ gravi si √® fatto ricorso ai corticosteroidi. Non √® ancora stato sviluppato alcun trattamento specifico per le dermatosi da SARS-CoV-2.

Eruzione cutanea Omicron

Mentre in altri ceppi di coronavirus l’esantema non √® correlato alla gravit√† della malattia, nel ceppo Omicron l’eruzione cutanea √® indicativa di una forma relativamente grave di COVID-19. √ą stato inoltre osservato che i soggetti con un’anamnesi di anomalie vascolari croniche e reazioni allergiche avevano una probabilit√† di gran lunga superiore rispetto agli altri pazienti di avere manifestazioni cutanee di Omicron. Per quanto riguarda le categorie di et√†, i ricercatori notano che le dermatosi sono segnalate pi√Ļ frequentemente nei bambini sotto i 14 anni e negli anziani dopo i 60 anni. 

L’eruzione cutanea di questo ceppo √® causata da lesioni virali dei piccoli vasi sanguigni. Si presenta come macchie rosa pallido di dimensioni e forme variabili, che non ricoprono la superficie cutanea complessiva e di solito non causano prurito o altri fastidi. Tuttavia, gli esperti riconoscono che i meccanismi di diffusione del SARS-CoV-2 al di l√† del tratto respiratorio rimangono incompleti. Insieme all’eruzione cutanea di Omicron, si manifestano i sintomi tipici delle infezioni respiratorie stagionali: debolezza, naso che cola, tosse, mal di gola, febbre o febbre subfebbrile, dolori muscolari e articolari. 

Nella stragrande maggioranza dei casi, l’esantema √® scomparso con il trattamento standard per una nuova infezione da coronavirus. In molti pazienti, l’organismo ha affrontato l’omicron senza trattamento e l’eruzione cutanea √® scomparsa completamente nel giro di pochi giorni.

Eruzione cutanea viso

Le eruzioni cutanee localizzate sul viso si verificano per diversi motivi. Come già detto, nei bambini le allergie alimentari possono manifestarsi sulle guance e intorno alla bocca. Può anche essere causata da dermatite atopica ed eczema nei bambini.

Negli adolescenti e negli adulti, le eruzioni cutanee sul viso indicano solitamente un’infiammazione delle ghiandole sebacee, causata dall’attivazione dei batteri saprofiti Streptococcus e Staphylococcus aureus o dell’acaro microscopico saprofita Demodex. Normalmente, questi microrganismi vivono sulla pelle di ognuno di noi in numero limitato. Tuttavia, se l’immunit√† locale √® ridotta, si moltiplicano in modo incontrollato, causando infiammazioni ed eruzioni cutanee.

I problemi gastrointestinali possono anche portare a spiacevoli cambiamenti della pelle del viso. Gastrite, duodenite ed enterocolite sono spesso accompagnate da acne e altri tipi di eruzioni cutanee.

Altre possibili malattie della pelle del viso sono la dermatite seborroica e la psoriasi, spesso simili all’esterno. Tuttavia, spesso si diffondono al cuoio capelluto, alla regione parotidea, al torace, all’addome, ecc. Nelle fasi avanzate, la psoriasi colpisce anche le articolazioni del corpo, causando l’artrite psoriasica.

Quali farmaci possono essere utilizzati per trattare un’eruzione cutanea?

Oggi le farmacie offrono un gran numero di rimedi per affrontare le eruzioni cutanee. Esistono preparati per l’ingestione e, naturalmente, per l’applicazione esterna: creme, unguenti, gel e soluzioni. Di norma, si basano su composti chimici creati artificialmente. Poich√© questi farmaci hanno molte controindicazioni, devono essere prescritti dal medico solo dopo una diagnosi completa che specifichi la causa dell’esantema.

Ma esistono anche preparati efficaci a base di ingredienti vegetali naturali. Sono assolutamente innocui per il fegato e i reni e spesso hanno lo stesso effetto dei farmaci di sintesi. Uno di questi mezzi √® il gel Removio. Creato interamente con ingredienti naturali, protegge attivamente la pelle da virus e batteri patogeni. In particolare, il gel si √® dimostrato eccellente nella lotta contro il virus del papilloma umano, responsabile delle fastidiose verruche, papillomi e condilomi. Removio aiuta a eliminare l’acne dal viso distruggendo lo streptococco e lo stafilococco. Il gel ha anche un effetto antinfiammatorio e cicatrizzante grazie alla presenza di tea tree oil, melissa e comfrey.

Un altro rimedio naturale degno di nota per le eruzioni cutanee che pu√≤ essere assunto per via orale √® Clean Forte. Queste gocce orali sono ottime per trattare l’esantema causato da disturbi digestivi. Gastrite e duodenite causate dal batterio helicobacter pylori, enterite e colite dovute a un aumento del numero di batteri patogeni nell’intestino: tutte queste condizioni causano spesso un’eruzione cutanea. Le gocce Clean Forte con attivit√† antimicrobica si sono dimostrate efficaci nel trattamento delle dermatosi di origine gastrointestinale. 

Il vantaggio principale dei farmaci naturali è che non ci sono effetti collaterali o controindicazioni al loro utilizzo. Possono essere utilizzati da donne in gravidanza e in allattamento, bambini, anziani e soggetti deboli.

Quali sono i tipi di un’eruzione cutanea e che aspetto possono avere?

Le eruzioni cutanee possono essere causate da virus, batteri patogeni e funghi sulla pelle. Le dermatosi possono essere causate anche da malattie infiammatorie degli organi interni, dei vasi sanguigni, da malfunzionamenti del sistema immunitario, da sostanze chimiche irritanti, ecc. L’eruzione cutanea pu√≤ avere un aspetto voluminoso, piatto o concentrato sotto la pelle, pu√≤ essere umida e secca, desquamata, con separazione di squame e particelle di pelle, pu√≤ essere accompagnata da prurito, dolore o non dare alcun fastidio. La dermatologia distingue i principali tipi di esantema:

  • Punti di interesse. Si tratta di un’area di arrossamento che non supera il livello generale della pelle;
  • Papule o noduli. Ispessimento leggermente elevato;
  • Vescicole. Elementi circolari che sporgono sopra la pelle e hanno una cavit√† interna; 
  • Pustole. A differenza delle vescicole, che sono riempite di un liquido sieroso chiaro o torbido, le pustole sono riempite di pus;
  • Vesciche. Possono assomigliare a vescicole e pustole, ma, a differenza di queste, le vescicole non hanno cavit√† e quindi non hanno contenuto liquido.

Esistono altri tipi di eruzione cutanea, molto pi√Ļ rari.

FAQ

Che cosa significa l’eruzione cutanea?

Un’eruzione cutanea, a seconda del tipo di eruzione, pu√≤ indicare allergie, infezioni, malattie della pelle, malattie vascolari e degli organi interni. Non √® raro che la pelle mostri gli effetti collaterali dei farmaci.¬†

Che cos’√® un’eruzione cutanea?

Si tratta di elementi sulla pelle che normalmente non dovrebbero essere presenti. Possono essere voluminose, non elevate sopra la pelle e localizzate sotto di essa. Il colore dell’eruzione cutanea pu√≤ essere rosso, rosa, viola, nero, ecc.

Come si cura un’eruzione cutanea?

Se l’esantema √® un sintomo di una malattia non dermatologica, la malattia di base viene trattata. Se l’eruzione cutanea √® causata da una dermatosi, si utilizzano pomate, creme, gel e preparati orali.

Come trattare l’eruzione cutanea di Covid?

Gli specialisti affermano che l’eruzione cutanea da covidone non necessita di un trattamento speciale. L’osservazione e la somministrazione di antistaminici sono sufficienti nei casi di prurito e gonfiore pronunciati.

Come si cura un’eruzione cutanea?

In primo luogo, si determina la causa dell’eruzione cutanea. A tal fine, il medico esamina le aree cutanee interessate con un dermatoscopio, raccoglie l’anamnesi e, se necessario, prescrive ulteriori esami.

Default image
Alberto Castello
Il dottor Alberto Castello esercita la professione medica in provincia di Padova. Dal 11/01/1990 è iscritto nel registro provinciale dei terapeuti di PADUA. Si è laureato alla facoltà di medicina di Padova nel 1989 e si è specializzato in dermatologia e venereologia a Padova nel 1994. Scrivo anche recensioni e articoli su integratori naturali su sida2019.it da 2021.
ARTICOLI: 12

Lascia una risposta