Cos’è l’alluce valgo?

La deformità valgo è una patologia comune del piede che si verifica intorno all’alluce. Questo disturbo non è considerato solo uno svantaggio estetico. Contribuisce inoltre al dolore ai piedi e alle limitazioni fisiche. Inoltre, si verificano problemi nella scelta delle scarpe. La deformità valgo è una deviazione dell’alluce verso il mignolo. Quando si verifica questa condizione, anche il secondo dito del piede è deformato. È conosciuta anche con altri nomi, come “ossa” o protuberanze nell’alluce.

Per trattare questa condizione si utilizzano speciali stecche. Vengono applicate sul piede e sull’alluce. Una stecca per valgo può essere utilizzata come stecca da giorno o da notte. Questa benda di fissaggio può essere regolata con una cinghia. Fornisce un fissaggio stretto del piede e delle dita, con conseguente normalizzazione della circolazione sanguigna e neutralizzazione dell’infiammazione. Un bendaggio in valgo aiuta l’alluce ad abituarsi alla nuova posizione corretta. In questo modo si elimina il dolore e si impedisce alla patologia di diffondersi.

Il correttore dell’alluce valgo aiuta anche a prevenire la calvizie dell’alluce e le vesciche. Può essere indossato quotidianamente con tutte le scarpe senza alcun disagio.

Intervento alluce valgo

L’intervento chirurgico per una deformità in valgo è consigliato solo se i metodi di trattamento conservativo non hanno dato i risultati desiderati. L’intervento chirurgico non comporta solo la rimozione delle ossa. Nelle deformità moderate o gravi si esegue anche un’osteotomia correttiva dell’osso metatarsale. L’intervento chirurgico per la deformità in valgo può ripristinare la funzionalità dell’articolazione.

L’intervento chirurgico per questa patologia non è consigliato a tutti. Esistono diverse controindicazioni all’intervento chirurgico:

  • infiammazioni e infezioni sulla pelle nella zona dell'”osso”;
  • malattie del sistema vascolare degli arti inferiori;
  • disturbi della coagulazione del sangue;
  • scompenso e gravi disfunzioni dei sistemi corporei.

Dopo l’intervento, i chirurghi applicano un bendaggio elastico stretto. Questo è necessario per limitare il movimento. Viene inoltre elaborato un programma di riabilitazione. In questo modo il paziente potrà tornare alle sue attività abituali il più rapidamente possibile. Si raccomanda inoltre di indossare scarpe speciali e supinatori dopo l’intervento.

L’intervento chirurgico per una deformità in valgo richiede almeno 2 settimane di recupero. Durante questo periodo, si consiglia al paziente di utilizzare un supporto aggiuntivo (bastone) per muoversi. Il recupero completo dopo l’intervento avviene dopo 1-1,5 mesi.

Alluce valgo sintomi

L’insorgenza di una deformità in valgo dell’alluce è indicata da questi sintomi:

  • dolore alla prima articolazione metatarso-falangea o all’avampiede;
  • ingrandimento visivo dell'”osso”;
  • deformità visivamente distinguibile delle dita dei piedi;
  • disagio durante la deambulazione;
  • affaticamento rapido delle gambe durante la deambulazione;
  • gonfiore dell’articolazione.

Esistono altri sintomi del valgismo: goffaggine e mancanza di sicurezza nel camminare, andatura traballante e formazione di vesciche dolorose sulla pianta del piede. 

Alluce valgo esercizi

Per prevenire questa patologia, è consigliabile fare diversi esercizi di ginnastica. Per questi esercizi è necessario dedicare solo 5-10 minuti. Tuttavia, gli esercizi per il valgo devono essere eseguiti regolarmente. Solo così si possono ottenere i risultati attesi. I medici raccomandano questi esercizi per le deformità in valgo:

  • Spargere sul pavimento piccoli oggetti (penne, matite, cancelleria, fogli di carta, ecc.). Poi bisogna raccogliere tutti gli oggetti sparsi.
  • Camminata in punta e camminata sul tallone.
  • “Disegnare” con le dita dei piedi in aria, sulla sabbia o sul pavimento. 
  • Allargate le dita dei piedi in modo che non si tocchino. Rimanete in questa posizione per almeno un minuto.
  • Far rotolare una bottiglia d’acqua sui piedi.

Alluce valgo scarpe

La regola principale è che le calzature per il valgo devono essere solo comode e confortevoli. Pertanto, le scarpe con tacchi alti e suole o punte strette sono categoricamente sconsigliate. Vale la pena aggiungere che queste scarpe sono categoricamente sconsigliate anche in caso di alluce valgo:

  • Con una suola morbida. La base della scarpa deve essere rigida. In caso contrario, il piede “galleggerà” durante la camminata. Una suola morbida, inoltre, non distribuisce il carico in modo uniforme.
  • Realizzato in materiale sintetico. Il piede non respira in queste scarpe.
  • Scarpe con suola eccessivamente piatta. Queste scarpe sollecitano maggiormente il tallone. Questo non fa che peggiorare l’appiattimento dell’arco plantare.

Non si devono inoltre indossare ciabatte o infradito. La mancanza di un plantare o di un cinturino determina una distribuzione non uniforme delle sollecitazioni durante la deambulazione. Questo comporta un affaticamento eccessivo e la progressione della patologia.

Le calzature per il trattamento della bunionite dell’alluce devono essere ortopediche. Si devono utilizzare solo materiali di alta qualità, ipoallergenici e traspiranti. La tomaia e la soletta della scarpa devono essere preferibilmente in pelle naturale. L’altezza della suola non deve superare i tre centimetri. Si raccomanda che la suola sia sufficientemente dura. Questo assicura che l’apparato muscolare del piede sia mantenuto in buona forma.

La punta delle scarpe da utilizzare per la deformità valgo deve essere larga. Non deve schiacciare le dita dei piedi. Nella maggior parte dei casi, la calza è leggermente rialzata per garantire il massimo comfort. In questo modo, il gluteo deve essere fissato saldamente al tallone. A questo scopo si utilizzano speciali “gonne”. Coprono il dorso del piede ai lati. 

Le moderne calzature per le deformità valghe sono dotate di speciali plantari. Sono necessari per svolgere una funzione di ammortizzazione. Anche queste calzature ortopediche sono dotate di rulli Salz. Supportano l’avampiede. 

In alcuni casi, i sandali ortopedici per le deformità in valgo sono realizzati su misura. Queste scarpe sono realizzate in base all’occupazione della persona e al decorso della malattia.

Rimedi alluce valgo

Il trattamento del valgismo può essere suddiviso in due gruppi: chirurgico e non chirurgico. Nella maggior parte dei casi, si consigliano metodi di trattamento conservativi. Forniscono sollievo dal dolore e dal disagio. Ma questi metodi non modificano la forma del piede, né impediscono che la condizione peggiori nel tempo.

Esistono questi metodi di trattamento non chirurgici:

  • assunzione di analgesici;
  • patch speciali;
  • solette ortopediche;
  • scarpe anatomiche.

Per ridurre il dolore della bunionite dell’alluce è necessario assumere degli analgesici. I cerotti sono speciali cerotti che riducono il dolore di una deformità in valgo. Possono essere singoli o riutilizzabili. Questi cerotti sono realizzati in gel o in materiale non tessuto. Possono essere acquistati senza prescrizione medica. Il più delle volte i cerotti vengono incollati direttamente all “osso”. Esistono anche cerotti che vengono applicati al piede con una speciale cinghia attaccata all’alluce. Questi cerotti sono necessari per evitare lo sfregamento del piede durante la deambulazione e per ridurre la pressione sull’articolazione.

I plantari ortopedici vengono inseriti direttamente nella scarpa. Allineano la “nocca” riducendo la pressione su di essa. In questo modo si riduce anche il dolore. Si noti però che il problema può essere eliminato solo per un breve periodo di tempo. È inefficace a lungo termine. È inoltre molto importante che la soletta si adatti perfettamente al piede. Per questo motivo deve essere scelto con l’aiuto di un chirurgo ortopedico.

Le scarpe anatomiche devono avere una suola piatta o un tacco basso. È anche importante che siano ampi. L’ideale sono le scarpe di pelle morbida. Non esercitano pressione sul “bunion”, causando sensazioni spiacevoli e persino dolorose. È importante che la scarpa anatomica non sia troppo grande.

Se si considerano i rimedi della nonna per il valgismo, si può pensare di applicare impacchi di ghiaccio sulla zona interessata. Una soluzione di questo tipo vi permetterà di contare sulla rimozione del gonfiore e del dolore. Tuttavia, si consiglia vivamente di non applicare il ghiaccio direttamente sulla pelle. Deve essere avvolto in un asciugamano o in un panno. In alternativa ai pacchetti di ghiaccio secco, si può utilizzare una confezione di verdure surgelate o di cibo semicotto.

Alluce valgo operazione laser

La tecnologia laser viene oggi utilizzata per il trattamento di diverse patologie. Possono essere utilizzati anche per trattare la calvizie dell’alluce. L’intervento laser per l’alluce valgo prevede l’asportazione del “bunion” mediante un’esostectomia. Viene praticata una piccola incisione, nella quale viene inserito un raggio laser. Il risultato è una ricostruzione dell’osso. I vantaggi del trattamento laser per questa patologia comprendono:

  • nessuna controindicazione e nessun rischio di complicazioni;
  • la rapidità dell’intervento (la chirurgia laser dura al massimo un’ora);
  • nessun rischio di trauma per i tessuti vicini;
  • la sterilità della procedura.

I vantaggi sono anche che l’intervento può essere eseguito in anestesia locale. In questo caso, viene praticata una piccola incisione, quasi invisibile, per rimuovere l'”osso”. In questo modo si riduce al minimo la perdita di sangue e si elimina il rischio di una cicatrice evidente. L’uso della tecnologia laser garantisce inoltre una rapida guarigione dell’area operata.

Alluce valgo rimedi casalinghi

Esistono anche rimedi casalinghi per la deformazione valgo:

  • Un correttore di valgismo. Questo termine si riferisce a vari bendaggi, stecche e fissatori. Questi dispositivi possono differire nella forma, ma il principio è lo stesso. Vengono utilizzati per fissare il “bunion” e applicare una pressione sull’alluce. Grazie a ciò, ci si può aspettare una graduale riduzione dell’anomalia. Per ridurre il dolore si possono utilizzare anche speciali solette e calze anatomiche.
  • Creme, unguenti, compresse e altri farmaci. Di solito sono prescritti dal medico. Nella maggior parte dei casi, si tratta di antidolorifici e antinfiammatori destinati ad alleviare i sintomi della patologia. Questi farmaci non sono destinati a trattare la causa della patologia.
  • Nastri per l’osso. Il taping può essere definito una tendenza relativamente nuova. Si tratta dell’uso di speciali cerotti che vengono applicati all’area problematica del piede. Il risultato dovrebbe essere l’eliminazione della “protuberanza”. Nella pratica, tuttavia, il taping non sempre produce i risultati desiderati.
  • Fissativi fatti in casa con la pellicola per alimenti. Questo metodo consiste nell’avvolgere il piede con un foglio di alluminio. Il risultato dovrebbe essere un’accelerazione dei processi metabolici e la normalizzazione della circolazione sanguigna nella zona infiammata. In pratica, però, nemmeno questo metodo può essere definito efficace.
  • Un impacco. Questo rimedio casalingo può eliminare il dolore. Ma il problema principale rimane. Le compressioni non consentono di asportare l'”osso” e di correggere la deformità dell’articolazione.
  • Esercizio terapeutico. L’attività fisica sarà sempre utile. Tuttavia, non rimuove i “grumi” nel piede. L’esercizio fisico può essere utilizzato come misura preventiva. Sarà anche importante nella terapia complessa o durante il recupero post-operatorio. Diversi esercizi prevedono l’arretramento dell’alluce, il massaggio del cuscinetto, ecc. 

Prevenire alluce valgo

Per prevenire l’alluce valgo, si raccomanda la prevenzione della deformità in valgo. Questo include la scelta di scarpe adeguate e una serie di esercizi fisici.

Per quanto riguarda le scarpe, è consigliabile cambiarle ogni sei mesi. Quando si scelgono le scarpe, è importante considerare sia il numero che la pienezza. Non bisogna in nessun caso acquistare scarpe troppo grandi. Un altro consiglio è quello di scegliere scarpe in materiali naturali. Ci sono altri aspetti da considerare quando si scelgono le scarpe:

  • Le scarpe devono avere un tacco sufficientemente stabile. La suola non deve permettere al piede di scivolare. È inoltre consigliabile che la parte inferiore della scarpa sia elastica.
  • Le scarpe non devono sovraccaricare il piede. Per questo motivo è bene optare per moduli leggeri.
  • La punta della scarpa deve essere arrotondata.
  • Tenere sempre conto delle caratteristiche individuali del piede. Il numero di scarpe deve essere adattato alla forma del piede. Questo protegge il piede dai danni e dalla pressione eccessiva sulle articolazioni e sui vasi sanguigni.

Particolare attenzione va prestata anche al processo di montaggio. In primo luogo, è necessario provare entrambe le scarpe. In secondo luogo, è necessario indossare la scarpa scelta per almeno 5-10 minuti. Questo tempo è sufficiente per determinare il grado di comfort. 

La prevenzione di questa patologia passa anche attraverso l’esecuzione di questi esercizi:

  • Camminate sulle punte dei piedi a ritmo medio per 2-3 minuti.
  • Camminare sulla parte esterna del piede. Le dita dei piedi devono essere premute verso l’interno. Eseguite questo esercizio per 2-3 minuti.
  • Camminare su una tavola rigata.
  • Camminare sul posto senza staccare le dita dei piedi dal pavimento.
  • Camminare lateralmente su un bastone o una corda.
  • Rotola dalla punta al tallone.
  • Camminare con una rullata dal tallone alla punta. 
  • Ruotare il bastone avanti e indietro.
  • Sollevare sulle dita dei piedi e abbassare su tutto il piede. Quando si esegue questo esercizio, tenere i pollici uniti e i talloni distanziati.
  • Flessione ed estensione dei piedi in posizione seduta.
  • Afferrare, sollevare e spostare vari oggetti con le dita dei piedi. Questo esercizio deve essere eseguito per 2-3 minuti.

FAQ

Come si fa a capire se si tratta di una deformità in valgo?

I sintomi di questa patologia sono la protrusione dell’articolazione dell’alluce, la divaricazione dell’avampiede, il rapido affaticamento del piede e il dolore quando si cammina o si sta in piedi per lunghi periodi di tempo. In caso di deformità valgo, si osserva anche un’inclinazione dell’alluce verso le altre dita, gonfiore e arrossamento nell’area dell’articolazione deformata.

Come si tratta una deformità in valgo?

Per eliminare questa patologia, si consiglia di indossare scarpe comode e di utilizzare speciali solette con arco incrociato e intarsi tra il primo e il secondo dito del piede. Inoltre, si consigliano massaggi, fisioterapia e terapia con onde d’urto.

Perché si verifica l’alluce valgo?

Questa patologia è causata da una debolezza dell’apparato legamentoso del piede, da un piede piatto trasversale, da scarpe poco adatte o da una predisposizione ereditaria.

Chi devo contattare per una deformità in valgo? 

Se si è affetti da questa patologia, è necessario consultare un traumatologo ortopedico. Dopo aver esaminato i piedi, il chirurgo ortopedico prescriverà un trattamento, conservativo o chirurgico.

Default image
Francesco Cacciola
Psicoterapeuta individuale, di coppia e familiare. Didatta supervisore dell'Istitutto Italiano di Psicoterapia Relazionale. Scrivo anche recensioni e articoli su integratori naturali su sida2019.it da marzo 2020.
ARTICOLI: 28

Lascia una risposta